Pubblicità

RaspberryGaming

Costruzione GamePi NanoCab



Un nuovo progetto...

Cari lettori, voglio condividere con voi questo mio nuovo progetto, iniziato da poco, e tutt'ora in corso. La mia idea è quella di costruire un NanoCab, ovvero un Cabinet Arcade come quelli che si trovavano una volta nelle sale giochi, e animarlo con un Raspberry al suo interno. Ovviamente le dimensioni saranno come quelle del raspberry, ovvero mini!! Ho già realizzato un prototipo in cartone delle dimensioni indicative, in modo da calcolare ingombri e layout vari.



Arrivano i primi pezzi!

Il postino inizia a portarmi i primi pezzi in arrivo dagli UK. Ho comprato tutto online, e sono già arrivati Joystick, bottoni, fili, connettori e schermo.
Partiamo dallo scermo, è un LCD da 7 pollici per auto, trovato su ebay a una trentina di €. I bottoni e il Joystick sono dei Sanwa e costano una fucilata (50€ per 6 bottoni e 1 joy circa...). Ve li mostrerò man mano che li monto, ora partiamo dal Joystick che è un Sanwa JLW-TM-8.
Qui sopra vedete che ho collegato tutte le masse a un unico cavo, utilizzando dei connettori onde evitare di dover saldare direttamente i contatti. Gli altri contatti per l'imput li ho poi collegati a dei fili singoli di colori diversi.



Control Panel!

Mi è arrivato anche il Control Panel, tagliato al laser in acciao spesso 5mm.

Eccolo qui con il joypad e i bottoni al loro posto, in attesa di essere cablato!




Primi cablaggi...

Visto che il taglio del legno si fa lungo, date le mie scarse doti di falegnameria, ho costruito una piccola plancia per portare avanti la parte di cablaggio e di software, e per verificare che viti e colla tengano come si deve...

Ed ecco come si presenta con i pulsanti montati e il ground cablato:



Ora sono in attesa che arrivino resistenze ecc per il collegamento al Raspberry.


Collegamento Raspberry-Control Panel

Siamo arrivati ora alla parte piu attesa, ovvero come collegare il nostro Control Panel al Raspberry sfruttando le GPIO. Partiamo con la parte elettrica:

Questo è il circuito di collegamento, come vedete molto semplice. Qui sono illustrati solo 8 tasti, ma la la solfa è la stessa, ovvero va costruito un circuito di pull-down, collegando le GPIO ai 3.3 V con due resistenze nel mezzo. Cosi facendo il tasto verrà rilevato in stato HIGH. Tra le due resistenze poi un polo del nostro tasto, e all' altro polo collegeremo il ground. Pigiando il tasto verrà cosi rilevato uno stato LOW sulla GPIO. Nel mio caso ho usato resistenze da 10k e da 1k. Quella da 1k non serve in realtà, ma è buona pratica metterla come protezione della GPIO nelL' ipotesi che creiamo corti di qualche tipo.

Questo è il circuito sulla Bradboard. Il tasto verrà collegato da una parte ai buchi segnati in rosso, e dall' altra al GND.



Qui sopra è il mio circuito terminato, predisposto per 13 tasti, ovvero UP, DOWN, LEFT, RIGHT, A, B, C, D, E, F, START, SELECT, ESC.

Veniamo ora alla parte software. Per il collegamento è necessario installare Pikeyd. Potete trovare la discussione QUI e il repository QUI. Scaricate il tutto, scompattate e compilate col comando make. Fatto ciò modificate il file /etc/modules come segue:

# /etc/modules: kernel modules to load at boot time.
#
# This file contains the names of kernel modules that should be loaded
# at boot time, one per line. Lines beginning with "#" are ignored.
# Parameters can be specified after the module name.

snd-bcm2835
uinput
joydev
12c-dev

Apriamo quindi il file /etc/pikeyd.conf e configuriamo i tasti come vogliamo. I numeri che vedete corrispondono alle GPIO alle quali il tasto va associato. Questo è il mio file, mancano da configurare i tasti D e C e le relative GPIO:

KEY_LEFT      18
KEY_RIGHT   23
KEY_UP           27
KEY_DOWN   22
KEY_A             24
KEY_S             25
KEY_Z             8
KEY_X             7
KEY_1             10
KEY_3             9
KEY_ESC       11

Per far partire pikeyd al boot dobbiamo poi aggiungere al file /etc/rc.local questo:

/usr/local/bin/pikeyd -d

Per testare i tasti possiamo anche provare da Shell, difatti se premiamo il tasto esce la lettera associata non solo all' interno dei giochi, ma in qualsiasi punto del sistema. Una volta che abbiamo testato i nostri tasti possiamo passare alla configurazione dei giochi.


Qualche aggiornamento...

Innanzitutto ho finito di verniciare il legno, non so perchè in foto presenti aloni, ma dal vivo non è cosi... Per la verniciatura ho optato per una bomboletta di nero opaco, senza dare il primer, si nota un po la differenza stucco-legno, ma non è venuto malaccio come lavoro.



Come vedete dietro ci sono i fori per la cassa montata cosi:



Qui sopra si nota la posizione del raspberry sulla sinistra e del circuito della cassa sulla destra. Come vedete la cassa si collega al jack del raspberry, mentre i 2 cavi che ci ho saldato sopra saranno per l'alimentazione, sempre 5V. La cassa è una di quelle casse per cellulari portatili. Per il fissaggio del Raspberry al legno ho utilizzato i piedini che si usano per tenere le motherboard rialzate dal case del pc:

e questa foto per farvi vedere che culo che ho avuto, in quanto ho fissato il raspberry prima di calcolare lo spazio per la SD :D




Video esplicativo per voi...







Cab ultimato!

Ebbene si, finalmente ho ultimato il mio progetto!!

Qui potete vedere il Raspberry al suo posto con collegato il circuito per i pulsanti.

Qui si vede invece la cassa audio, collegata tramite jack come gia spiegato. Si nota anche il connettore per l'alimentazione. Questo è un attacco Canon, usato solitamente per i microfoni amplificati.

Ed ecco il connettore da fuori. A questo connettore attacco direttamente 12v, tramite un alimentatore esterno.

ed ecco il gioiellino completato!!



Nuove foto e video in arrivo!



Eih amico!


So già che dirai che non pago l'hosting ecc, ma una donazione farebbe comodo, per esempio a comprare una SD da 4 gb per testare anche li il tutto, oppure per testare un Model A. Quindi se non hai soldi da donare aiutami consigliando il sito ad amici, e cliccando tutti insieme sulle pubblicità, a te costa 5 minuti al giorno, ma per me può fare la differenza, e alla fine ci guadagni sempre tu.